Luigi

logoVive e lavora in Puglia, fra Molfetta (Ba) suo luogo di nascita e Fasano (Br).
Molfetta 1962 - Uno spirito inquieto e sfuggente vaga alla ricerca di atmosfere, per goderne la semplicità, capirne la complessità e le regole, per aprirsi al mondo; Luigi.
1979 – Venezia, ricca, fascinosa, silenziosa e frizzante al tempo stesso, entra in circolo; Palazzo Fortuny, Museo Correr, Palazzo Ducale, San Giorgio, Torcello, ma nel cuore entra prepotentemente su tutti La Chiesa dei Miracoli, uno scrigno di marmo sorgente dall’acqua. L’impegno si mescola all’ebbrezza della cultura, e nel 1989 parlando del Castello Svevo di Gravina di Puglia all’IUAV Luigi diventa l’Architetto de Palma, ma a è solo l’inizio. Torna nei luoghi a Lui familiari, va in teatro dove tra Fassbinder e Goldoni si fa scenografo, ma c’è ancora inquietudine. Il mare gli suggerisce come placarsi; esercita la sua vena creativa mescolando e forando sassi, ferro, acciaio, terracotta, pietre dure; nascono oggetti che sembrano voler tornare al mare, poi Roma, lo studio dell’antichità e il restauro dei monumenti (UNIRoma 3 1997). Ancora, chiese, palazzi, musei, giardini, e poi la bellezza, la frenesia, l’accoglienza, gli stimoli, ma il suo destino è altrove. Torna in Puglia e, dopo Molfetta, a Fasano, tra gli ulivi ed il mare, trova il suo abitat.
Un LOFT è lo spazio di lavoro dove con Martino Pinto divulga la propria visione dell’architettura e del design e promuove incontri d’arte. Nella Casa - Masseria del 1600, immersa in una sfolgorante vegetazione, la produzione artistica e l’accoglienza agli amici si mescolano in una onirica dimensione temporale, riconquistando i naturali ritmi del vivere.